Camera di Commercio di Parma
Tu sei qui: Portale News ed Eventi Informazione economica: Scenari di previsione 2021 sull'economia locale. Parma terza provincia in regione a trainare l’economia con valore aggiunto a +5,6%

Prenotazione appuntamenti online

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
 
Azioni sul documento

Informazione economica: Scenari di previsione 2021 sull'economia locale. Parma terza provincia in regione a trainare l’economia con valore aggiunto a +5,6%

— archiviato sotto:
pubblicato il 21/05/2021 15:50, ultima modifica 31/05/2021 11:05

Industria e costruzioni guidano la ripresa, i servizi crescono ma a un passo più lento. Attesi entro la fine del 2022 i livelli pre pandemia

Informazione economica: Scenari di previsione 2021 sull'economia locale. Parma terza provincia in regione a trainare l’economia con valore aggiunto a +5,6%

logo camerale

 

L'ufficio Informazione economica della Camera di commercio di Parma mette a disposizione gli scenari di previsione ad aprile 2021, elaborati dal sistema camerale regionale su dati Prometeia. Il quadro di ipotesi su cui si fonda lo scenario è quello di una crescita del prodotto mondiale che, subìto uno shock da pandemia da Coronavirus nel 2020 meno ampio di quanto inizialmente previsto, torna a crescere rapidamente nel 2021, con una stima lievemente meno profonda per la recessione del 2020 e con una prospettiva di ripresa parziale un po’ più sostenuta per il 2021.

Ricordiamo che a livello globale la pandemia ha causato un -3,9% di Pil con cadute pesanti in America latina (-7,6%), India(-7,0%) e in area euro (-6,8%). Dati positivi solo in Cina (+2,2%). In Europa i valori peggiori in Spagna (-11,0%), Gran Bretagna (-9,7%) e Italia (-8,9%). Tuttavia si è assistito ad una riduzione del valore aggiunto nazionale inferiore alle previsioni (-8,6%) con un’ipotesi di ripresa a +4,7% nel 2021 e +4,3% nel 2022, dovendo ugualmente attendere il 2023 per sperare di tornare ai livelli pre pandemia.

Stessa evoluzione ha seguito il valore aggiunto regionale che si è ridotto meno del previsto nel 2020 (-8,7%) e che si stima risalga a +5,5% nel 2021 e +4,6% nel 2022.

Analizzando la composizione del valore aggiunto provinciale (+5,6%), si stima che saranno l’industria (+10,7% anziché il 7% inizialmente previsto a Parma; +9,3% regionale) e le costruzioni (+9,7% a Parma e +11,6% regionale) a trainare la ripresa, mentre nei servizi il passo, pur positivo, sarà più debole (+2,9% a Parma e +3,8%regionale). Infine l’agricoltura: da -4,8% a Parma nel 2020 (-1,5% regionale) si stima un recupero nel 2021 (-1,9% a Parma, -1,5% regionale) e nel 2022 (+2,7% a Parma; +2,9% regionale).

Nel 2020 la recessione ha picchiato duro sulle regioni del nord ma le prospettive di ripresa dovrebbero aiutare Parma a risalire. Attualmente, con il suo +5,6% nel 2021, è terza in regione dopo Modena (+6,6%) e Reggio Emilia (+6,0%). Il dato medio regionale è invece pari a +5,5%. Sempre secondo Prometeia Parma si posiziona infine al sesto posto nazionale (guadagnando una posizione dal 2020) e terzo regionale in classifica 2021 delle province italiane per valore aggiunto per abitante (valori correnti) dopo Milano, Bolzano, Bologna, Modena e Firenze.

L’EXPORT parmense che, a differenza del resto della regione, è stato l’unico a registrare nel 2020 un +0,9% di volume di vendite verso tutto il mondo, contro una diminuzione % del dato medio regionale di 8,2%, registra qui stime di variazioni % di valore aggiunto pari a +1,4% nel 2020, +8,3% nel 2021 e +4,1% nel 2022: crescite importanti, nel rispetto di una tradizione ormai di trend in salita.

L’IMPORT parmense invece raddoppia repentinamente, passando da -12,3% nel 2020, a +23,7% nel 2021 e a +17,4% nel 2022, a sottolineare la conferma della ripresa.

Purtroppo le chiusure/limitazioni imposte dalla pandemia e la diminuzione del reddito disponibile delle famiglie (-2,7% nel 2020, +4,9% nel 2021, +3,2% nel 2022) potrebbero frenare la ripresa dei consumi. Il mercato del lavoro.

Dopo un calo di unità di lavoro a Parma di -10,2% nel 2020 (in linea col dato regionale e nazionale), il dato dovrebbe migliorare, arrivando a +6,0% nel 2021e +4,3% nel 2022. Il tasso di disoccupazione a Parma passare da 5,8% del 2020 a 7,0% del 2021, fino a 7,2%del 2022. Gli occupati da -1,0% del 2020 a -0,3% nel 2021 e 0,6% nel 2022, in linea col dato regionale per il 2021e 2022.

I settori. Nel 2020, in corrispondenza di un-8,9% complessivo di variazione sul 2020, le maggiori stime di riduzione si sono registrate nei servizi (-9,4%),nelle costruzioni (-9,1%) e nell’industria (-8,0% per cento), mentre il calo più contenuto si è avuto in agricoltura (-4,8%).

Nel 2021 la ripresa s'ipotizza parziale soprattutto nei servizi (+2,9% nel 2021 e +4,2% nel 2022), dove le limitazioni ancora in atto in particolare nel settore turistico-ricreativo possono rallentare la ripresa. Più rapida sarà invece nell’industria e nelle costruzioni che potranno trarre beneficio dalle misure di incentivazione della ristrutturazione edilizia e dai piani di investimento pubblico.

 

Scenario sull'andamento dell'economia parmense - elaborazione Sistema camerale regionale su dati Prometeia - aprile 2021

 

Scenario Emilia-Romagna, previsione  a medio termine - aprile 2021

 

RASSEGNA STAMPA:

Gazzetta di Parma 22.5.21

Gazzetta di Parma online 22.5.21

Parma Repubblica 22.5.21

Parma Report 22.5.21

CNA Parma 21.5.21

 

 

 

 

Iscrivetevi alla nostra newsletter per non perdere interessanti opportunità

Seguiteci sui Social Media  FacebookTwitterLinkedInYouTube

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali
Privacy
Dichiarazione di accessibilità

Codice Fiscale 80008090344
Partita IVA 00757550348
Codice IPA U29GVF


Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Parma

Via Verdi, 2 - 43121 Parma
Telefono +39 0521 21011  +39 333 7885681
Fax 0521 282168
MAIL: centralino.cciaaparma@pr.camcom.it
PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it