Camera di Commercio di Parma
Tu sei qui: Portale News ed Eventi Informazione economica, la congiuntura dell'artigianato a Parma nel primo trimestre 2021

Prenotazione appuntamenti online

Accedi


Hai dimenticato la tua password?
 
Azioni sul documento

Informazione economica, la congiuntura dell'artigianato a Parma nel primo trimestre 2021

— archiviato sotto:
pubblicato il 16/06/2021 18:40, ultima modifica 16/09/2021 18:54

La congiuntura dell’artigianato a Parma nel primo trimestre 2021 rispetto al 2020: produzione +1,1% in linea col dato regionale, fatturato +2,8% (contro +1,6% regionale), fatturato estero -2,4%, ordini +2,4% (il doppio del regionale)

 

La congiuntura dell’artigianato a Parma nel primo trimestre 2021 rispetto al 2020: produzione +1,1% in linea col dato regionale, fatturato +2,8% (contro +1,6% regionale), fatturato estero -2,4%, ordini +2,4% (il doppio del regionale)

L’ufficio informazione economica della Camera di commercio di Parma, sulla base dell’indagine congiunturale dell’artigianato realizzata da Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna, evidenzia per l’artigianato (all’interno dell’industria manifatturiera, escluse le costruzioni) + 1,1% di produzione rispetto al medesimo trimestre nel 2020 (in linea con il +1,2% regionale) e con il 35% di imprenditori oggetto dell’indagine che crede in uno sviluppo della produzione, il 35% nella stabilità e il 30% prevede una diminuzione). Rispetto invece al trimestre precedente, il campione di imprenditori oggetto dell’indagine prevede per il 46% stabilità nella produzione, per il 24% aumento e per il 30% diminuzione.

Fatturato totale a prezzi correnti +2,8% rispetto al primo trimestre 2020 (decisamente maggiore del +1,6% regionale) e con il 35% di imprenditori oggetto dell’indagine che crede in uno sviluppo della produzione, il 36% nella stabilità e il 39% prevede una diminuzione). Rispetto invece al trimestre precedente, il campione di imprenditori oggetto dell’indagine prevede per il 29% aumento nel fatturato totale, per il 37% stabilità e per il 35% diminuzione.

Il fatturato estero a prezzi correnti invece registra un -2,4% (dato regionale a 0,0%) con un 26% degli imprenditori che crede nell’aumento, il 38% nella stabilità e il 36% in un rallentamento. L’andamento degli ordinativi (mercato nazionale ed estero) rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente a +2,4% (contro +1,1% regionale) con il 36% degli imprenditori che crede nell’aumento, il 40% nella stabilità e il 24% in un rallentamento. Valori che si spostano su 29% degli imprenditori che crede nell’aumento, 41% nella stabilità e 30% in un rallentamento se l’analisi è rispetto al trimestre precedente.

-1,1% l’andamento degli ordinativi esteri rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente con il 25% degli imprenditori che crede nell’aumento, il 49% nella stabilità e il 26% in un rallentamento. 9,9 settimane di produzione assicurata dal portafoglio ordini a fine trimestre (6,4 regionali) e previsioni di cauto ottimismo per la stabilità (58%), 29% aumento, 12% diminuzione nel trimestre successivo.

Relativamente alle previsioni sugli ordinativi nazionali ed esteri nel trimestre successivo i valori diventano 35% sviluppo, 51% stabilità e 14% diminuzione. Le previsioni relative agli ordinativi esteri nel trimestre successivo le percentuali emerse sono 40% su sviluppo, 52% stabilità e 9% rallentamento.

Relativamente alle previsioni sul fatturato nel trimestre successivo emergono valori su 34% di sviluppo, 52% stabilità e 14% diminuzione. Grado di utilizzo degli impianti del 73% nel trimestre di riferimento per settore e classe dimensionale (su un totale di 76,6% del totale industria manifatturiera), rispetto ad un 67,3 regionale.

Relativamente all’andamento degli investimenti rispetto all'anno precedente e principale destinazione degli stessi, per provincia e macrosettore, vediamo che il 25% delle imprese artigiane a Parma ha realizzato investimenti (il 26% in misura superiore, il 28% uguale e il 46% in misura inferiore), il 60% ha acquistato impianti o macchinari uguali a quelli esistenti, il 21% ha introdotto nuovi macchinari o impianti, il 39% ha migliorato prodotti esistenti, nessun investimento a Parma è stato introdotto per marchi o brevetti né per introduzione di nuovi prodotti, il 3% ha sviluppato la distribuzione, il 31% ha acquistato computer e software, il 2% ha aperto una nuova sede o rinnovato l’esistente, il 18% ha fatto altri tipi di investimenti.


Dal Registro Imprese della Camera di commercio di Parma: A fine marzo 2021 sono risultate attive 11.891 imprese artigiane a Parma e provincia (93 in meno rispetto al primo trimestre 2020), con una diminuzione dello 0,78%. Se invece spostiamo il confronto a numeri pre-Covid (quindi al primo trimestre 2019), il saldo negativo sale a 250 imprese e la flessione percentuale  diventa pari a -2,06%.

 

SCARICA IL REPORT

 

 

RASSEGNA STAMPA

Gazzetta di Parma 11 giu 2021

Sito di CNA Parma

 

Iscrivetevi alla nostra newsletter per non perdere interessanti opportunità

Seguiteci sui Social Media FacebookTwitterLinkedInYouTube

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali
Privacy
Dichiarazione di accessibilità

Codice Fiscale 80008090344
Partita IVA 00757550348
Codice IPA U29GVF


Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Parma

Via Verdi, 2 - 43121 Parma
Telefono +39 0521 21011  +39 333 7885681
Fax 0521 282168
MAIL: centralino.cciaaparma@pr.camcom.it
PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it