Camera di Commercio di Parma
Tu sei qui: Portale Regolazione del Mercato Ufficio metrico Controllo degli strumenti di misura
Accedi


Hai dimenticato la tua password?
 
Azioni sul documento

Controllo degli strumenti di misura

pubblicato il 05/10/2009 15:16, ultima modifica 31/05/2013 14:54

Le verifiche relative agli strumenti di misura

 

 

Istruttoria per l’ammissione a verifica metrica

I fabbricanti di strumenti che sono destinati ad essere utilizzati per transazioni commerciali o per scopi nei quali è richiesta una particolare tutela, prima di essere introdotti in commercio, devono, dipendendo dalla tipologia dello strumento da omologare ed in parte dalla volontà del fabbricante stesso, avere esperito una delle seguenti tre procedure:

  • ammissione a verificazione con decreto ministeriale;
  • ammissione a verificazione CEE di uno strumento a funzionamento non automatico;
  • approvazione di uno strumento con certificato CEE.

L’ufficio fornisce l’elenco della documentazione da produrre nonché i riferimenti alle norme nazionali ed internazionali per il soddisfacimento dei requisiti tecnici particolari.

Nell’eventualità di realizzazione di prove funzionali in laboratori siti nella provincia, un funzionario dell’ufficio assiste ai test al fine di certificarne l’esito.

 

Verificazione prima

E' il controllo cui ogni strumento di misura, prima di essere immesso in commercio, deve essere sottoposto per verificare la conformità al modello approvato con specifico decreto del Ministero Attività produttive. Deve essere richiesta alla Camera di commercio utilizzando apposito modulo e documentando il pagamento dei diritti previsti.

 

Concessione di conformità metrologica

Con il decreto ministeriale n. 179/2000 si attribuisce al fabbricante metrico la facoltà di autocertificare la conformità metrologica degli strumenti di misura da lui prodotti, evitando in questo modo l'effettuazione della verificazione prima da parte del servizio metrico. L'esercizio di questa facoltà è subordinata al rilascio di un provvedimento cd. "concessione di conformità metrologica" da parte della Camera di commercio. La Camera di commercio di Parma ha disciplinato con regolamento approvato dal Consiglio camerale (deliberazione n. 1 dell'11.04.2001) il procedimento per la concessione di conformità metrologica.

 

Verificazione periodica

E' l'accertamento del mantenimento, nel tempo, dell'affidabilità metrologica degli strumenti di misura, nonché l'integrità di sigilli anche elettronici e etichette o altri elementi di protezione previsti dalle norme vigenti.

Per strumenti di misura si intendono le misure di capacità diverse da quelle di vetro, terracotta e simili, nonché gli strumenti per pesare o per misurare diversi dalle misure lineari, la cui utilizzazione riguarda la determinazione della quantità e/o del prezzo nelle transazioni commerciali (esclusi i misuratori di gas, di acqua ed elettrici).

Deve essere richiesta alla Camera di commercio dall'utilizzatore alle scadenze, differenziate per tipologia dello strumento, riportate nel decreto ministeriale n. 182/2000. Può essere effettuata sia presso la sede della Camera di commercio, previo appuntamento, sia presso la sede dell'utente (verifica a domicilio).

In quest'ultimo caso occorre inviare all'ufficio l'apposito modulo compilato. Successivamente alla verifica verrà emessa fattura per il pagamento dei diritti previsti.

Il citato decreto ministeriale prevede che la verificazione periodica possa essere effettuata anche da laboratori privati accreditati dalla Camera di commercio. Il decreto 10/12/2001 (in vigore dal 16 aprile 2002) stabilisce i criteri dell'accreditamento.

 

Controllo sulla corretta indicazione delle unità di misura

L’unificazione e la semplificazione, delle unità di misura, è sempre stata un fine da raggiungere per il miglioramento dei rapporti commerciali tra popolazioni diverse.

Il sistema metrico decimale, nato più di due secoli fa, ha avuto proprio queste tra le motivazioni della sua creazione e diffusione. Obbligatorio in Italia dal 1850 si è evoluto nel S.I. (Sistema Internazionale) tale sistema è diventato oggetto di direttive CEE e recepito nel nostro ordinamento con il D.P.R. 802/82 e successive integrazioni e modificazioni.

Le unità fondamentali sono quelle riportate nella tabella qui sotto.          

 

Grandezza Unità
Nome  Simbolo
Lunghezza metro m
Massa kilogrammo kg
Tempo secondo s
Intensità di corrente elettrica ampere A
Temperatura termodinamica kelvin k
Quantità di sostanza mole mol
Intensità luminosa candela cd

 

Compito dell’ufficio è la vigilanza sull’uso regolare delle unità fondamentali e di quelle derivate. Le norme prescrivono l’uso regolare delle unità fondamentali e di quelle derivate "nelle attività economiche, nei settori della sanità e della sicurezza pubblica e nelle operazioni di carattere amministrativo, agli strumenti di misura impiegati, alle misurazioni effettuate e alle indicazioni di grandezza espresse in unità di misura".

 

Verifica dei convertitori di volume di gas

I convertitori di volume sono apparecchiature di tipo elettronico utilizzate in transazioni commerciali tra imprese fornitrici e distributrici di metano e tra imprese fornitrici e utilizzatori finali di metano. Esse consentono di convertire il valore di volume misurato a pressione e temperatura di esercizio, in un valore utilizzabile per fini commerciali.

 

Autorizzazione ad effettuare operazioni di montaggio/riparazione di cronotachigrafi CEE

I cronotachigrafi sono strumenti destinati alla registrazione della velocità, dei tempi di lavoro e dei percorsi, il cui utilizzo secondo l'art. 179 del codice della strada, è obbligatorio negli automezzi pesanti. La loro installazione e riparazione può essere effettuata solo da ditte autorizzate dal Ministero dello Sviluppo economico, sulla base del controllo preventivo del possesso dei requisiti richiesti ad opera dell'Ufficio metrico della Camera di commercio.

 

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali
Privacy

Codice Fiscale 80008090344

Partita IVA 00757550348

Codice IPA U29GVF


Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Parma

Via Verdi, 2 - 43121 Parma
Telefono 0521 21011 Fax 0521 282168
PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it