Camera di Commercio di Parma
Tu sei qui: Portale Registro Imprese e Albi Pec: comunicazione al Registro Imprese
Azioni sul documento

Pec: comunicazione al Registro Imprese

pubblicato il 31/05/2015 19:25, ultima modifica 05/09/2016 16:17

L'obbligo di comunicazione riguarda società, imprese individuali e curatori fallimentari

pecTutte le Imprese individuali e le società devono possedere una casella Pec attiva iscritta al Registro Imprese.

La casella Pec deve essere comunicata al momento della iscrizione della impresa / società pena inammissibilità della iscrizione.

Quando l'impresa / società già iscritta non è in possesso di una casella Pec oppure quando la casella Pec non ha le caratteristiche obbligatorie, ogni istanza di iscrizione da esse presentata al Registro Imprese viene sospesa fino ad un periodo massimo determinato dalla legge (3 mesi per le società, 45 giorni per le imprese individuali). In assenza di regolarizzazione, cioè di comunicazione di casella Pec con le caratteristiche obbligatorie, l'istanza è respinta.

Caratteristiche della Pec

La casella Pec da iscrivere al Registro Imprese deve essere:

  • attiva;
  • unica: non deve risultare assegnata ad altro soggetto;
  • univoca: non deve essere riferibile ad altri soggetti che non siano l'impresa o la società; ne deriva che non sono legittimamente iscrivibili gli indirizzi Pec di professionisti, studi di consulenza, associazioni di categoria messi a disposizione di uno o più clienti;
  • nella titolarità esclusiva dell'impresa/società che la iscrive; presuppone un contratto di assegnazione tra il gestore e l'impresa/società.

 

Imprese e società di nuova iscrizione

Le imprese (sia in forma individuale che in forma societaria) devono comunicare il loro indirizzo PEC quando si iscrivono al Registro imprese.

L'indirizzo PEC va indicato nella sezione dati "sede dell'impresa" della pratica telematica di iscrizione al Registro Imprese (di competenza di un notaio, nel caso di società; normalmente affidata a un commercialista, a un'associazione di categoria o ad una società di servizi dagli imprenditori individuali).

L'istanza di iscrizione priva della indicazione dell'indirizzo Pec è inammissibile. La pratica è sospesa al fine della regolarizzazione. Se la regolarizzazione non interviene nel termine indicato dall'ufficio (5 giorni) la pratica è respinta.

Imprese e società già iscritte

Società: le istanze inviate da società già iscritte che, per qualsiasi motivo, non abbiano comunicato il proprio indirizzo Pec nei termini di legge (30 giugno 2012) sono sospese fino all'integrazione dell'indirizzo PEC e  comunque fino al termine massimo di 3 mesi.

Trascorso tale periodo, in assenza di comunicazione l'istanza è respinta. In tal caso l'atto o il fatto oggetto dell'istanza di iscrizione sono soggetti ad iscrizione d'ufficio a seguito della quale è applicata la sanzione prevista dall'articolo 2630 del codice civile.

Imprese individuali: le istanze inviate da imprese già iscritte che, per qualsiasi motivo, non abbiano comunicato il proprio indirizzo Pec nei termini di legge (30 giugno 2013) sono sospese fino all'integrazione dell'indirizzo PEC e comunque fino al termine massimo di 45 giorni.

Trascorso tale periodo, in assenza di comunicazione l'istanza è respinta. In tal caso l'atto o il fatto oggetto dell'istanza di iscrizione sono soggetti ad iscrizione d'ufficio a seguito della quale è applicata la sanzione prevista dall'articolo 2194 del codice civile

Curatori fallimentari e altri organi di procedure concorsuali

L'obbligo di comunicazione della PEC riguarda anche i curatori fallimentari e altri organi come il commissario giudiziale nominato a norma dell'art. 163 del R.D n. 267/1942, il commissario liquidatore e il commissario giudiziale nominato a norma dell'art. 8 del D. Lgs. n. 270/1999.

La comunicazione della PEC al Registro Imprese deve essere effettuata, in modalità telematica e con sottoscrizione digitale, per ciascuna impresa in cui il curatore/commissario giudiziale/commissario liquidatore viene nominato, entro 10 giorni dalla data della nomina.

L'omessa comunicazione nel termine comporta l’applicazione della sanzione amministrativa di cui all’art. 2194 c.c.

Chi rilascia la casella Pec

Solo i gestori autorizzati. Vedi l'elenco sul sito AGID.

Come iscrivere la casella Pec?

La comunicazione è esente da bolli e diritti di segreteria. Può essere effettuata secondo una delle seguenti tre modalità.

1. Modalità Pratica Semplice

Si tratta di una modalità estremamente semplice studiata appositamente per questo adempimento e ad uso esclusivo del legale rappresentante della società e del titolare dell'impresa individuale e utilizzabile dal sito www.registroimprese.it .

Dovranno essere forniti solamente il codice fiscale del dichiarante (del legale rappresentante o del titolare), il codice fiscale dell'impresa (solo per le società) e l'indirizzo PEC da iscrivere.

La pratica deve essere firmata digitalmente dal titolare o dal legale rappresentante, che devono, pertanto, essere muniti dell'apposito dispositivo rilasciato anche dalla Camera di Commercio (per sapere come ottenerlo leggi qui)

2. Modalità Starweb

ComunicaStarweb è un servizio gratuito on-line per la predisposizione di pratiche di Comunicazione Unica indirizzate al Registro Imprese, all’Albo Imprese Artigiane (ove la normativa regionale lo consenta), all’INPS, all’INAIL e all’Agenzia delle Entrate.

  • selezionare, dal menu "Comunicazione Unica Impresa", la voce "Variazione" e, nel successivo menu in "Dati Sede" la voce "PEC";
  • per le imprese individuali selezionare, dal menu "PEC per Imprese Individuali", la voce "Comunicazione PEC".

Per maggiori informazioni sull'utilizzo di questa modalità è possibile consultare la guida Starweb.

3. Modalità Fedra

Questa modalità può essere utilizzata solo dalle società.

Mod. S2 compilato ai quadri:

  • B Estremi dell'atto: Forma Atto C - Codice Atto nessuno - Data atto: la data dell'invio
  • 5 COMPILARE SOLO IL CAMPO RELATIVO ALLA E-MAIL CERTIFICATA.

Adempimento ComUnica: "Variazione"

Per informazioni sull'utilizzo di questa modalità è possibile consultare la guida Fedra.

Procedimento di verifica della regolarità della Pec

La Camera di Commercio svolge un'attività costante di monitoraggio e verifica dei requisiti di regolarità degli indirizzi Pec iscritti al Registro Imprese, secondo quanto previsto dalla Direttiva del Ministero Sviluppo Economico del 13 luglio 2015.

L'attività consiste nell'avvio di procedimenti con cui le imprese i cui indirizzi risultano revocati (cioè non più attivi) o non univoci sono invitate a modificarli entro un certo termine, decorso il quale la Camera di Commercio ne richiede la cancellazione d'ufficio.

 

Per informazioni

 

Per  informazioni generali sulla Pec leggi qui

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali
Privacy

Codice Fiscale 80008090344

Partita IVA 00757550348

Codice IPA U29GVF


Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Parma

Via Verdi, 2 - 43121 Parma
Telefono 0521 21011 Fax 0521 282168
PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it