Camera di Commercio di Parma
Tu sei qui: Portale Promozione Ambiente EX-SISTRI - Tracciabilità dei rifiuti
Accedi


Hai dimenticato la tua password?
 
Azioni sul documento

EX-SISTRI - Tracciabilità dei rifiuti

— archiviato sotto:
pubblicato il 12/08/2010 18:15, ultima modifica 18/02/2019 09:59

Istituito il Registro Elettronico Nazionale per la tracciabilità dei rifiuti

 

Nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 12 febbraio 2019 è stata pubblicata la legge di conversione del cosidetto Decreto Semplificazioni (D.L. 14 dicembre 2018 n. 135) che ha soppresso, dal 1° gennaio 2019 il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) e i relativi contributi annuali di iscrizione.

Dal 1° gennaio 2019 quindi e fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti organizzato e gestito dal Ministero dell'Ambiente, rimane confermato il sistema di tracciabilità cartacea articolato in formulari, registri e MUD con la possibilità di compilazione e tenuta di formulari e registri di carico e scarico in formato digitale (art.194-bis del Decreto legislativo legislativo n. 152 del 3 aprile 2006) con l’applicazione delle relative sanzioni previste dall’articolo 258 del medesimo testo.

Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti

Dal 13.02.2019 è istituito il REN per la tracciabilità dei rifiuti. Si tratta del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti gestito direttamente dal Ministero dell’ambiente; in un successivo decreto verranno definiti termini di iscrizione e costi per gli operatori, oltre alle modalità di organizzazione e funzionamento del Registro.

Saranno tenuti ad iscriversi:

  • enti ed imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, cioè operazioni di recupero o smaltimento;
  • produttori di rifiuti pericolosi;
  • enti ed imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi;
  • Consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti;

e, con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all'articolo 189, comma 3, del D.lgs. 152/2006, quindi:

  • chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
  • commercianti e intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi.

I

Costi

L'iscrizione al Registro elettronico nazionale comporta il versamento di un diritto di segreteria e di un contributo annuale, al fine di assicurare l'integrale copertura dei costi di funzionamento del sistema. Sarà sempre l'apposito decreto del ministero dell'Ambiente a indicare gli importi dovuti nonché le modalità di versamento (il decreto dovrà essere aggiornato ogni tre anni per la revisione degli importi).

Sanzioni

La violazione dell'obbligo di iscrizione, il mancato o parziale versamento del contributo e le violazioni degli obblighi sulla tenuta del registro saranno soggette a specifiche sanzioni amministrative pecuniarie stabilite con il decreto da emanarsi.

 

Normativa di riferimento

DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135
Testo del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 290 del 14 dicembre 2018 (in vigore dal 15.12.2018) 
LEGGE 11 febbraio 2019, n. 12
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, recante disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (GU Serie Generale n.36 del 12-02-2019)

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

Note Legali
Privacy

Codice Fiscale 80008090344

Partita IVA 00757550348

Codice IPA U29GVF


Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Parma

Via Verdi, 2 - 43121 Parma
Telefono 0521 21011 Fax 0521 282168
PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it